Il Teatr Laboratorium
Data di pubblicazione: 2008
ISBN: 9788895065038
Formato: 160 x 240 mm
Pagine: 200
Prezzo: 20,00 euro

Saggi di Oggi, del teatro

 
Il Teatr Laboratorium
di Jerzy Grotowski 1959-1969

Jerzy Grotowski, Ludwik Flaszen
La vicenda artistica di Grotowski è una delle più significative del teatro contemporaneo. Sua è stata l’elaborazione del training, come allenamento continuativo, quotidiano e personalizzato per l’attore; sua la prima sperimentazione sistematica e concreta della relazione attore-spettatore in uno spazio scenico unitario. Sua la definizione del gruppo teatrale come luogo di esplorazione personale e ricerca artistica, in un lavoro continuativo protetto, solo in parte finalizzato ai singoli spettacoli. Sua la proposta di un’etica dell’attore come soggetto di esperienze autentiche, che perfeziona e sviluppa le intuizioni di Stanislavskij. Molto del teatro contemporaneo, anche esteticamemnte lontano da lui, non sarebbe stato possibile senza il lavoro di Grotowski.
Jerzy Grotowski (Rzeszo´w, Polonia, 1933 – Pontedera, 1999) è stato uno dei grandi maestri eretici e riformatori del teatro del Novecento. Akropolis, Il Principe Costante, Apocalypsis cum figuris sono gli spettacoli, universalmente conosciuti, che egli ha realizzato con l’ensemble del Teatr Laboratorium.
Verso la fine degli anni Settanta, dal parateatro è emerso il progetto Teatro delle Fonti, interrotto nel 1982 allorché Grotowski lasciò la Polonia per emigrare negli Stati Uniti. Dal 1986, su invito della Fondazione Pontedera Teatro, si trasferì nella cittadina toscana, dove ha dato vita al Workcenter of Jerzy Grotowski (oggi Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards). A Pontedera, Grotowski ha sviluppato la fase finale del suo percorso artistico, quella de “L’arte come veicolo”.
Back to Top